Milan Chess Set

L’ispirazione del progetto Milan Chess Set trae la sua origine da una riflessione a più livelli, che comprende numerosi aspetti culturali e ideologici di un momento di grande visibilità e trasformazione della città di Milano.
L’idea che i nuovi manufatti costruiti nell’ultimo quinquennio e le preesistenze architettoniche, storiche e famose, potessero convivere fianco a fianco
non soltanto nella realtà fisica ma anche in un mondo in miniatura, è risultata immediatamente di grandissimo fascino e ha stimolato un processo progettuale di miniaturizzazione in alcuni casi fedele e in altri rielaborata che ha dato vita ad un mondo non ancora esplorato.
L’esplorazione di questa nuova terra si è trasformata nella progettazione di sei differenti pezzi di scacchi divisi tra grattacieli, torri, palazzi e monumenti che, declinati su una superficie orizzontale, nella loro danza senza fine offrono a chi li osserva l’illusione di uno skyline urbano non fisso, ma mutevole e continuamente in divenire.
Nella dimensione orientata al futuro e alla trasformazione di questo progetto la scelta tecnologica e materica è stata affrontata in maniera decisamente innovativa: la tecnica dello stampaggio 3D unita all’utilizzo della polvere di nylon verniciata conferisce agli oggetti un carattere avveniristico ed una sensazione di touching nuova e fresca a cui ci si deve abituare, come quando si entra in contatto con un materiale sconosciuto, sperimentando il tocco in maniere differenti e curiose.